Luce pulsata in gravidanza: si può fare?

Luce pulsata in gravidanza: si può fare?

La luce pulsata è una soluzione davvero utile e pressoché definitiva per eliminare i peli superflui, tuttavia, da quando sono stati introdotti dispositivi elettronici per l’epilazione a luce pulsata da usare a casa, si è aperto un dibattito sui suoi effetti collaterali.

I dispositivi per l’epilazione a luce pulsata casalinghi sono ogni anno sempre più evoluti e sicuri, per limitare gli eventuali danni alla pelle fotosensibile. Inoltre, si tratta di ottime soluzioni per non spendere una fortuna in centri estetici e per non rinunciare a una pelle liscia e morbida.

C’è chi si chiede se questi dispositivi rispettino la pelle, se si possano utilizzare quando si assumono determinati medicinali o addirittura mentre si è in dolce attesa. Nella maggior parte dei casi, puoi utilizzare effettuare trattamenti di luce pulsata direttamente da casa senza rischi.

In linea generale, l’epilazione a luce pulsata è possibile anche in gravidanza ma, questo vale sempre, se dovessi avere dubbi sulle tue condizioni di salute, su quelle della tua pelle o sull’interazione tra la luce pulsata e i medicinali che assumi, non esitare a contattare un medico esperto.

I rischi della luce pulsata durante la gravidanza

I rischi della luce pulsata durante la gravidanza

Innanzitutto, le future mamme devono sapere che in gravidanza, in particolare al quarto mese, la minore produzione di estrogeni riduce anche la crescita dei peli superflui. Tuttavia, le donne in gravidanza non restano mai completamente glabre e devono preoccuparsi ancora dell’epilazione.

Ci sono infatti delle zone in cui, per la produzione di ormoni, compaiono dei fastidiosi e antiestetici peli, come sul seno e sulla schiena. Non c’è da impazzire contro questi peli insoliti: una volta partorito, cadranno da soli e non serve rimuoverli artificialmente.

Ci sono donne che hanno compreso l’efficacia della luce pulsata e non vorrebbero farne a meno neanche con il pancione. Ma ci sono controindicazioni? La risposta è no: non ci sono particolari rischi per la mamma e il feto.

Tuttavia, a causa della produzione di ormoni sballata, la pelle potrebbe diventare più fotosensibile del solito e riportare irritazioni o macchie dopo la seduta con la luce pulsata. Questa possibile presenza di macchie sulla cute non permette alla luce pulsata di agire come di consueto e, quindi, di rimuovere i peli in modo efficace.

In gravidanza, per questi motivi, alcuni esperti consigliano di utilizzare dei metodi tradizionali, come la ceretta a strappo o il filo arabo, che rimuovono i peli in modo efficaci e senza effetti collaterali.

È importante prendersi cura del proprio corpo anche quando si aspetta un bambino: aumenta la sicurezza in se stesse e permette anche di sentirsi di buon umore. Quindi, non rinunciare alla tua bellezza se sei in gravidanza e chiedi consiglio al tuo dermatologo.

Altre controindicazioni della luce pulsata

Altre controindicazioni della luce pulsata

I recenti dispositivi a luce pulsata sono studiati per contenere eventuali effetti collaterali come irritazioni, comparsa di macchie, infiammazioni della cute. Quando si effettua questo tipo di epilazione si può percepire un pizzicore alla pelle che si riduce non appena si conclude la seduta. La cute arrossisce e si sente un po’ di dolore, ma questo è normale.

Tuttavia, ci sono delle situazioni in cui bisogna prestare maggiore attenzione e chiedere eventualmente il parere di un medico esperto, prima di sottoporsi al trattamento con luce pulsata, in modo da evitare reazioni più preoccupanti di quella appena descritta.

Ecco quali:

1) Se si è certi di dover restare sotto il sole a lungo dopo l’epilazione, per esempio per un evento sportivo o una giornata particolare. L’ideale, infatti, sarebbe epilarsi in inverno per evitare l’interazione dei raggi UV con la pelle;

2) Ci sono dei medicinali che interagiscono in modo negativo con la luce pulsata, in quanto rendono la pelle più fotosensibile e soggetta a irritazioni. Se hai dubbi sui medicinali che stai assumendo, chiedi consiglio a un esperto, in modo da evitare spiacevoli effetti collaterali;

3) Se si hanno eczemi, lesioni cutanee, ulcerazioni, ferite, dermatiti, infezioni o melanomi, la luce pulsata è controindicata;

4) Non si deve esporre la pelle alle pulsazioni neanche in presenza di tatuaggi, macchie cutanee, nei, voglie, lentiggini;

5) Il trattamento non andrebbe eseguito in zone particolarmente sensibili.

Per evitare ogni rischio durante l’utilizzo della luce pulsata in caso di gravidanza, richiedi il piano di trattamento personalizzato incluso nel prezzo del nostro Epilatore a Luce Pulsata E21 ed indica la tua condizione.

 


Lascia un commento

Il commento è soggetto ad approvazione